La guida completa alla SEO mobile-Suggerimenti e best practice
Ottimizzazione SEO per dispositivi mobili
SEO
Ci scusiamo per eventuali errori nel testo. Questa è una traduzione automatica. Se trovate inesattezze,scriveteci , saremo grati. articolo originale in inglese.

Ottimizzazione SEO per dispositivi mobili

Salve a tutti gli ottimizzatori SEO e a tutti coloro che si sono imbattuti in questa pagina! In questo articolo parleremo dell’ottimizzazione del vostro sito web e dei suoi contenuti per i dispositivi mobili, che sono diventati parte integrante della nostra vita.

 

Ottimizzazione SEO per dispositivi mobili

 

In uno dei nostri articoli su AMP, abbiamo già fornito statistiche sulla popolarità dei dispositivi mobili. Se siete interessati, ecco il link allo studio originale citato nell’articolo. Si tratta di un’utile risorsa consigliata per analizzare il comportamento degli utenti.

 

Introduzione
Aggiorniamo alcuni dati statistici per motivare l’ottimizzazione dei siti web per i dispositivi mobili e la ricerca. Secondo Similar Web, ad agosto 2023 il traffico da dispositivi mobili rappresenterà il 65,67%, quello da desktop il 32,89% e meno del 2% sarà destinato ai dispositivi tablet.

Statistiche Similarweb

Tutto ciò che verrà scritto di seguito si applica principalmente al motore di ricerca Google, ed ecco perché. Nell’agosto di quest’anno, la quota di Google tra i motori di ricerca per dispositivi mobili è del 95%. Per statistiche più dettagliate, prendiamo i dati da agosto 2022 ad agosto 2023:

Ottimizzazione SEO per dispositivi mobili

Il grafico sottostante mostra che la quota di Google tra i motori di ricerca per dispositivi mobili non è praticamente cambiata, il che significa che prima di tutto vale la pena considerare l’ottimizzazione SEO per questo motore di ricerca.

Statistiche globali di StatCounter

 

SEO mobile vs. SEO desktop
Il processo di indicizzazione di una versione mobile di un sito (o, come lo chiama Google, di indicizzazione prioritaria dei contenuti mobili) non è quasi diverso dalla classica indicizzazione per desktop.

Ottimizzazione SEO per dispositivi mobili

“Nell’indicizzazione e nel posizionamento, viene utilizzata principalmente la versione mobile del sito web scansionata da Googlebot per gli smartphone”. Potete leggere ulteriori informazioni su Googlebot Smartphone al seguente link”.
Google Search Central

 

Tornando alle differenze tra SEO mobile e SEO desktop, la distinzione più importante continua a essere l’esperienza dell’utente. Dopotutto, i contenuti, l’ottimizzazione tecnica e il profilo di backlink hanno ancora un impatto sulle classifiche di ricerca.

Tuttavia, nella SEO per dispositivi mobili si presta maggiore attenzione alla velocità di caricamento delle pagine, alla struttura del sito e all’interazione dell’utente con la pagina. Inoltre, la ricerca locale e vocale svolgono un ruolo importante nella SEO mobile.

 

Differenze principali
Se pensate che la ricerca mobile differisca dalla versione completa solo per il formato, vi sbagliate. La ricerca mobile su Google è un prodotto separato con regole proprie. Ciò è dovuto all’analisi dei fattori comportamentali dei diversi formati dei dispositivi.

Come riferimento: I nostri colleghi di Diginow hanno condotto uno studio interessante nel 2019. Hanno preso 50.000 parole chiave casuali e hanno studiato le statistiche delle corrispondenze di posizione nelle SERP di dispositivi mobili e desktop. Il risultato è stato inaspettato: solo il 13% dei siti web del campione ha mantenuto le stesse posizioni per la stessa query nella ricerca su diversi tipi di dispositivi. Per saperne di più su questo studio, cliccate qui.

Sito web di Diginow

Il secondo punto interessante è la visualizzazione del titolo e della descrizione del sito web nella ricerca mobile. In alcuni casi (ad esempio sui dispositivi con schermi piccoli), i meta tag possono essere tagliati prima di essere visualizzati su Google classico.

Pertanto, è importante ottimizzare attentamente i tag. Gli utenti sui dispositivi mobili preferiscono ricevere informazioni rilevanti inserendo brevi query nella barra di ricerca. Se cerchiamo un caffè a New York, ad esempio, ci aspettiamo di vedere un risultato esteso con valutazioni e foto, piuttosto che un lungo articolo sui “10 migliori caffè di New York”.

La terza differenza riguarda la struttura stessa dei risultati di ricerca. I risultati di ricerca su PC contengono spesso più elementi come testo, immagini, video, ecc.

Infine, il quarto punto è che nella SEO mobile è possibile ottimizzare per la ricerca vocale, che sta diventando sempre più popolare in questi giorni.

 

Ricerca su Google
Google ha un’intera divisione che si occupa di lavorare e studiare i dati degli utenti. Si chiama “Think with Google”. Per questo motivo, ha raccolto 7 interessanti intuizioni che spiegano perfettamente perché dovreste dedicare del tempo allo sviluppo di una versione mobile di qualità del vostro sito.

Ottimizzazione SEO per dispositivi mobili

Il 63% degli utenti statunitensi è più propenso a effettuare un acquisto attraverso una versione mobile del sito se la vostra offerta è pertinente alla loro query di ricerca.

Ottimizzazione SEO per dispositivi mobili

Il 50% degli utenti naviga o effettua acquisti utilizzando le versioni mobili dei siti perché non vuole scaricare applicazioni mobili.

Ottimizzazione SEO per dispositivi mobili

Un altro dato interessante è che le persone che hanno avuto un’esperienza negativa con i dispositivi mobili (versioni mobili di siti e app) hanno il 62% di probabilità in meno di effettuare un acquisto in futuro utilizzando lo stesso metodo, indipendentemente dall’efficacia delle vostre campagne pubblicitarie. Potete studiare voi stessi i dati della ricerca a questo link.

 

A cosa prestare attenzione
Abbiamo parlato di come la SEO per dispositivi mobili sia diversa da quella per desktop; ora analizziamo i fattori di ranking che influenzano direttamente la vostra posizione nella ricerca per dispositivi mobili. Ricordiamo ancora una volta che la maggior parte dei fattori di ranking per la ricerca mobile sono fattori comportamentali.

Ottimizzazione SEO per dispositivi mobili

Per quanto riguarda il design, ci sono ancora centinaia di migliaia di siti web che semplicemente ignorano il layout mobile, il che può rendere scomodo per gli utenti l’utilizzo del vostro sito. Questo aumenterà la frequenza di rimbalzo sul vostro sito web, con conseguenti ripercussioni sulla vostra posizione in Google.

La versione mobile di un sito web dovrebbe adattarsi automaticamente alla risoluzione dello schermo di un dispositivo mobile e tutti i contenuti dovrebbero essere di facile utilizzo sugli smartphone, soprattutto le immagini e i pulsanti.

 

Attualmente esistono due approcci che possono rendere il vostro sito web comodo da usare su diversi dispositivi:
1. Adaptive design – un metodo più complesso che prevede la modifica della struttura del sito per uno specifico tipo di dispositivo. Ciò significa che il sito non si limita ad adattarsi al formato desiderato, ma può modificare il suo principio di interazione in base al dispositivo e alla risoluzione. Le pagine per ogni tipo di dispositivo, come tablet, piccoli laptop e smartphone, vengono sviluppate manualmente. Questo metodo è ottimo per i siti che già generano reddito, poiché richiede più risorse per lo sviluppo.

2. Responsive design – si basa su contenitori e breakpoint che consentono di scalare: immagini, testo e layout del sito web in modo che il sito possa “ridursi” a qualsiasi dimensione dello schermo. Questo approccio è più semplice e veloce del design adattivo, ma ha un leggero impatto sulla velocità di caricamento del sito. Inoltre, a differenza del design adattivo, il controllo sul layout dei contenuti della pagina è minore.

A proposito, se volete trovare materiale ben strutturato sul responsive design,
Web.dev di Google offre un intero corso.
Per verificare la compatibilità del vostro sito con i dispositivi mobili, è sufficiente utilizzare lo strumento integrato
di Google Search Console.

In generale, la compatibilità con i dispositivi mobili non si riferisce solo alla praticità del design, ma anche alla qualità dei contenuti, dei meta tag e di altre voci. Quanto migliore e più semplice è la struttura dei contenuti della pagina, tanto più facile sarà per gli utenti utilizzarli. Se progettate un articolo, pensate a come l’utente lo leggerà su un dispositivo mobile.

 

Velocità di caricamento della pagina
Anche la velocità di caricamento delle pagine è importante per la versione mobile di un sito web, soprattutto per blog, siti di notizie e negozi online. Per affrontare questo aspetto, possiamo rivolgerci al servizio di ricerca Think with Google.

Secondo i dati del 2018, la velocità media di caricamento delle pagine su un dispositivo mobile che utilizza internet 4G richiede più di 15 secondi. E questo è lungo, molto lungo.

Schermata 4 di Think with Google

Perché già nel 2017 c’erano dati secondo cui se la velocità di caricamento della pagina aumentava da 1 a 3 secondi, la frequenza di rimbalzo saliva al 32%.

Quando il tempo di caricamento della pagina passa da

Infine, un ritardo di 1 secondo nel caricamento di un sito commerciale può ridurre la conversione del 20%.

E da 1 a 10 è già del 123%, e pensiamo che questo sia tutto ciò che c’è da sapere sull’impatto della velocità di caricamento sulle vostre posizioni nelle SERP.

Suggerimenti per velocizzare il vostro sito mobile

Vediamo ora come aumentare la velocità di caricamento delle pagine per dispositivi mobili:

1. Iniziate ottimizzando tutte le immagini del vostro sito. Date priorità alle immagini in base all’importanza, poiché non tutte possono essere necessarie per la versione mobile. Alcune possono essere sostituite con testo o CSS (i vostri sviluppatori ne saranno entusiasti). Se possibile, comprimete le foto in formato .webp.

2. A proposito di contenuti, esiste un approccio chiamato AMP (Accelerated Mobile Pages) per ottimizzare i contenuti mobili. La sua essenza consiste nel mantenere sulla pagina solo i contenuti più ottimizzati e necessari.

3. Ottimizzare il codice. Google suggerisce di utilizzare i seguenti strumenti a questo scopo: Per il codice HTML, potete usare HTML Minifier. Per i CSS, si può usare CSSNano o csso. E per gli script JavaScript, potete usare UglifyJS.

4. La velocità di caricamento del vostro sito web è direttamente influenzata dalla posizione dei server su cui è ospitato. Credetemi, il ping dalla Francia al Giappone sarà molto alto. In questo caso, vale la pena di utilizzare un CDN, di cui abbiamo già parlato.

5. Potete anche “ripulire” il database del vostro sito web dalla spazzatura inutile, tra cui commenti non confermati e spam, pagine in bozza non necessarie e post e pagine cancellati. Se il vostro sito web è sviluppato con un CMS, come WP, potete farlo da soli senza coinvolgere gli sviluppatori.

Potete vedere la velocità di caricamento delle vostre pagine utilizzando lo strumento Google Pagespeed Insights. Seguite il link, inserite l’URL del vostro sito e cliccate sul pulsante.

Ad esempio, abbiamo preso il dominio medium.com e abbiamo ottenuto i seguenti risultati:

Strumento Google Pagespeed Insights

Se scorrete in basso, vedrete i punti specifici che influenzano la velocità di caricamento del vostro sito:

Diagnostica di Google Pagespeed Insights

Seguendo questi consigli, sarete gradualmente in grado di ottenere il risultato
di cui avete bisogno.

 

Ottimizzazione locale
Ottimizzazione locale

Letteralmente, la SEO mobile va di pari passo con l’ottimizzazione locale, poiché la maggior parte delle query di ricerca da dispositivi mobili si concentra su ricerche rapide di prodotti, servizi o luoghi in un luogo specifico.

Dovete capire che questo approccio è rilevante se rappresentate un’azienda locale nella vostra regione. Anche se la SEO locale è un aspetto a sé stante, è bene tenere conto dei seguenti consigli:

1. Specificate i dati NAP corretti (nome dell’azienda, indirizzo e telefono) nel vostro profilo Google Business (GBP);

2. Utilizzate il GBA al meglio: mantenete il vostro profilo aggiornato, aggiungete foto e recensioni. Se il vostro profilo è pertinente alla query di ricerca dell’utente e avete un numero sufficiente di recensioni positive, la vostra posizione nei risultati di ricerca ampliati e in Google Maps sarà significativamente più alta rispetto ai vostri concorrenti;

3. Parole chiave locali: anche se le query locali hanno un volume di ricerca inferiore, il loro utilizzo nei meta tag e in altri titoli può migliorare le posizioni e il tasso di clic. Ad esempio, una semplice parola chiave “caffetterie” avrà una pagina di risultati di ricerca diversificata, mentre una parola chiave come “caffetterie nella città X” fornirà risultati più specifici.

4. I domini situati nella vostra regione avranno una priorità maggiore. Tenete presente questo aspetto quando create un profilo di backlink.

 

Ricerca vocale
L’uso della ricerca vocale da dispositivi mobili sta guadagnando popolarità. È praticamente onnipresente. Ad esempio, interessanti statistiche sull’uso della ricerca vocale da parte di Thrive My Way.

Sito web di Thrive My Way

La ricerca vocale è più popolare della digitazione

Secondo una ricerca di PwC del 2018, oltre il 71% degli utenti statunitensi preferisce utilizzare la ricerca vocale.

La proprietà di Smarts Peakers negli Stati Uniti

E oltre il 35% dei residenti negli Stati Uniti ha già acquistato altoparlanti intelligenti per la propria casa.
Dati di Statista del 2022.

Sito web di Statista

 

Ecco altre statistiche interessanti che riguardano direttamente la SEO:
1. Oltre il 20% delle ricerche vocali si basa su un insieme di 25 parole, quali “cosa” o “come”, e “come”.
“cosa” o “come”, e aggettivi come “facile” o “migliore”;

2. Circa il 76% degli utenti che utilizzano dispositivi di assistenza vocale effettua ricerche locali almeno una volta alla settimana;

3. Il 46% degli utenti cerca quotidianamente informazioni su aziende/servizi locali.

4. La categoria più popolare di aziende menzionate nella ricerca vocale è quella dei ristoranti e dei locali di ristorazione;

5. Ancora più impressionante è la statistica secondo cui il 28% degli utenti che hanno utilizzato la ricerca vocale per una specifica azienda ha poi effettuato una telefonata;

6. E la ciliegina sulla torta è che le telefonate generano ricavi 10-15 volte superiori rispetto alle richieste di informazioni sul sito web (p.s. questo vale solo per i settori dei servizi e HORECA).

Nei tempi moderni, la ricerca vocale è diventata parte integrante della SEO, soprattutto per l’ottimizzazione della SEO locale.

 

Ecco un piccolo piano di azioni necessarie per rendere il vostro sito web rilevante per la ricerca vocale di Google:
-Considerando che l’ottimizzazione per la ricerca vocale è strettamente legata all’ottimizzazione locale, assicuratevi di familiarizzare con la sezione precedente, dove è presente un link al nostro articolo sulla SEO locale. Per comprendere meglio il vostro pubblico, potete utilizzare Google Trends per capire quali query di ricerca saranno rilevanti per loro in questo momento.

-Cercate di rendere i vostri contenuti utili e comprensibili per gli utenti. A volte potete anche usare uno stile colloquiale, ma ricordate che più i contenuti sono concisi per i dispositivi mobili, meglio è;

-Utilizzate i microdati per rendere il contenuto della vostra pagina comprensibile ai motori di ricerca. Quando un utente cerca “cinema in via x” nella ricerca vocale, i dati del vostro sito devono essere marcati in modo da corrispondere alla query di ricerca;

-L’ottimizzazione della versione mobile del sito può essere effettuata utilizzando contenuti che siano rilevanti per le query a bassa e media frequenza che assomigliano a domande, come ad esempio “cosa fare se il telefono cade nell’acqua?

 

Casi di SEO per dispositivi mobili
Chiariamo subito che questi casi sono stati presi dai nostri colleghi, tutti i link sono forniti per l’autoapprendimento.

Caso #1 – Servizio di assistenza IT dall’Asia
Questo caso appartiene ai ragazzi della società LeadtoConversion. Il caso completo è disponibile al link.

Ottimizzazione SEO per dispositivi mobili

Il caso in sé è abbastanza comune: i ragazzi hanno studiato i concorrenti, hanno creato una strategia SEO di qualità che comprendeva il nucleo semantico, l’ottimizzazione on-page, la costruzione di link e lo sviluppo di nuove pagine per parole chiave e servizi. E ci sono riusciti: un lavoro sistematico e un gran numero di test hanno dato risultati.

Ottimizzazione SEO per dispositivi mobili

1. Il traffico organico da mobile è aumentato del 148% (da 1.015 a 2.517 utenti).

2. Il tasso di conversione degli obiettivi è aumentato del 73%.

 

Caso #2 – Portale educativo
Questo caso appartiene alla società TechMagnate. Il loro cliente è un grande portale educativo nazionale per l’orientamento professionale di studenti e studentesse.

Ottimizzazione SEO per dispositivi mobili

Il compito era piuttosto impegnativo. La concorrenza è aumentata in questa nicchia, quindi il cliente voleva aumentare la quantità di traffico organico prima della stagione.

È stato fatto quanto segue:

-È stata condotta un’ottimizzazione on-page;

-È stata implementata la tecnologia dei contenutiAMP;

-Creazione di una massa di link;

-lavoro con il markup per i rich snippet e le risposte rapide.

Tutte queste attività si sono svolte nell’arco di sei mesi, implementando sistematicamente le modifiche e correggendo gli errori che si presentavano. Tra l’altro, AMP ha prodotto risultati eccellenti.

Panoramica del traffico mobile mensile

Da gennaio 2018 a giugno 2018, il traffico mobile è cresciuto del 728%, un dato sorprendente.

Ottimizzazione SEO per dispositivi mobili

 

Conclusioni
Riassumiamo, la SEO mobile si basa principalmente su fattori comportamentali degli utenti, basta seguire i nostri consigli per ridurre la frequenza di rimbalzo e trattenere gli utenti sulle vostre pagine:

1. Monitorate la velocità di caricamento delle vostre pagine;

2. Monitorate il vostro profilo GBP (recensioni, foto e pertinenza delle informazioni);

3. Monitorare la visualizzazione e la funzionalità del sito web sui dispositivi mobili;

4. Se possibile, assumete uno specialista per gli aspetti che non potete gestire da soli.

 

Cari amici! Grazie per aver letto l’articolo fino alla fine! Prossimamente pubblicheremo un articolo che spiegherà in modo esauriente le azioni per ottimizzare il vostro sito web per la ricerca vocale. Gli assistenti vocali stanno guadagnando popolarità a una velocità enorme, quindi utilizzarli per migliorare la vostra strategia SEO è un’ottima idea!

Ottimizzazione SEO per dispositivi mobili

Capire il markup semantico: Nozioni di base e impatto sulla SEO

Capire il markup semantico: Nozioni di base e impatto sulla SEO

Salve a tutti! In questo articolo parleremo del markup semantico e del perché...

Come promuovere attraverso le query chiave “…vicino a me”

Come promuovere attraverso le query chiave “…vicino a me”

Un saluto a tutti! Oggi parleremo di come promuovere attraverso le query di...

Guida ai dati fondamentali del web

Guida ai dati fondamentali del web

Salve appassionati di SEO! Oggi vi proponiamo una guida su Core Web Vitals....

Scorrere verso l'altoArrow Up