In che modo le reti di distribuzione dei contenuti influenzano la SEO?
Qual è l’impatto di una Content Delivery Network (CDN) sulla SEO?
SEO
Ci scusiamo per eventuali errori nel testo. Questa è una traduzione automatica. Se trovate inesattezze,scriveteci , saremo grati. articolo originale in inglese.

Qual è l’impatto di una Content Delivery Network (CDN) sulla SEO?

Salve cari amici, esperti e appassionati di SEO! Oggi vogliamo parlare delle CDN e del loro impatto sul traffico e, nello specifico, sulla SEO.

Qual è l'impatto di una Content Delivery Network (CDN) sulla SEO?

Nel nostro articolo sui siti web multilingue, abbiamo accennato al fatto che se le vostre versioni multilingue sono ospitate su un unico server, gli utenti di regioni lontane potrebbero subire ritardi nell’accesso al vostro sito. Per evitare questi problemi, si consiglia di utilizzare una CDN (Content Delivery Network).Come creare un sito web multilingue, perché è necessario e quanto è utile per la SEO?

Una CDN è un’infrastruttura distribuita di nodi (centri dati e server) in tutto il mondo, che seleziona il server più vicino alla posizione dell’utente per la consegna dei contenuti, in modo da ridurre i tempi di caricamento.

In questo articolo analizzeremo in che modo le CDN influiscono sulla SEO e in che misura sono importanti per la SEO.

**********

Cos’è un CDN e come funziona?
Uno dei fattori più importanti per la SEO è la velocità di caricamento delle pagine del vostro sito web. Questo è particolarmente importante se avete un sito multilingue/multiregionale, come un negozio di abbigliamento internazionale o una piattaforma di servizi high-tech.

Se avete una chiara comprensione della presenza geografica della vostra azienda, costruire un sistema di distribuzione dei contenuti di qualità non è così difficile. Consideriamo un esempio. John è un rivenditore di abbigliamento sportivo di alta qualità in Europa e in Asia. Il suo reparto IT lo informa che il 35% dei visitatori del suo sito web proviene da Singapore, Giappone e Corea. Sebbene John abbia una localizzazione per queste regioni, la velocità di caricamento non è all’altezza.

Un buon esempio, anche se non del tutto accurato, potrebbe essere il ping dei server del paese desiderato. Facciamo un esperimento ad Amsterdam utilizzando Internet mobile. Verranno sottoposti a ping tutti i server internazionali, ma la nostra attenzione si concentrerà in particolare sull’Asia: Seoul, Tokyo, Hong Kong e Singapore.

Qual è l'impatto di una Content Delivery Network (CDN) sulla SEO?

Il ritardo minimo è di 260 ms verso il server di Singapore, e si tratta di una semplice trasmissione di un paio di pacchetti avanti e indietro. Dopo aver visto questa situazione non proprio ideale, John si chiede cosa sia questo CDN e se possa aiutare a migliorare la velocità di caricamento del suo sito web in Asia.

Qual è l'impatto di una Content Delivery Network (CDN) sulla SEO?

In pratica, un CDN funziona come segue. Quando un utente visita il sito web di John, luxesport.com, il sito web gli consegna la pagina HTML. Tuttavia, tutti gli oggetti statici e dinamici, come CSS e script, saranno referenziati da cdn.luxesport.com.

In pratica, una CDN funziona come segue. Quando un utente visita il sito web di John, luxesport.com, il sito web gli consegna la pagina HTML. Tuttavia, tutti gli oggetti statici e dinamici, come CSS e script, saranno referenziati da cdn.luxesport.com.

Ciò significa che le immagini, i prodotti e gli altri oggetti del vostro server vengono prima trasmessi al nodo più vicino all’utente e poi visualizzati, riducendo la latenza. Indipendentemente dal dispositivo da cui l’utente sceglie di accedere al sito, i dati non vengono forniti dal vostro server di origine, ma dal nodo CDN.

A proposito, uno dei migliori esempi di una buona CDN, noto a tutti gli ingegneri, è github.io. Tutti i dati della pagina sono statici e vengono consegnati agli utenti di diverse regioni attraverso la CDN.

Qual è l'impatto di una Content Delivery Network (CDN) sulla SEO?

Principio di funzionamento delle CDN
Le reti di distribuzione dei contenuti (CDN) funzionano in base a tre principi principali:

Caching
Edge computing
Accelerazione dei contenuti dinamici
Il caching è il primo principio delle CDN, che prevede la memorizzazione di più copie dei dati su server o dispositivi per un accesso più rapido. All’interno del sistema CDN, il caching funziona come segue:

Un utente da una regione remota invia una richiesta per il vostro contenuto statico, che è ospitato sul vostro sito web.
Il server di origine risponde alla richiesta dell’utente e duplica la risposta al nodo CDN più vicino in base alla posizione dell’utente.
Il nodo, noto anche come Point of Presence (POP), memorizza una copia in cache dei dati.
La volta successiva che lo stesso utente o qualsiasi altro utente di quella regione invierà una richiesta al vostro sito web, i dati verranno caricati dal nodo anziché dal server di origine.
L’altro aspetto chiave della CDN è il lavoro con i server edge all’interno della rete di distribuzione dei contenuti. Per ottimizzare le prestazioni del server, viene implementata una logica specifica tra gli edge server (POP) della CDN e il server di origine. Ad esempio, è possibile delegare ai server edge della CDN compiti quali il monitoraggio delle richieste degli utenti o l’ottimizzazione dei contenuti prima di consegnarli agli utenti.

Infine, il terzo principio è l’accelerazione dei contenuti dinamici. La memorizzazione nella cache dei contenuti dinamici non è pratica a causa dei loro continui cambiamenti. Inoltre, l’invio di una richiesta con una latenza elevata può causare timeout o ritardi significativi, che possono interrompere il rendering della pagina.

Pertanto, viene stabilita una regola di rete specifica: utente – nodo – nodo – server di origine. In altre parole, la richiesta di contenuti dinamici da parte di un utente segue lo schema descritto di seguito:

Qual è l'impatto di una Content Delivery Network (CDN) sulla SEO?

In altre parole, il contenuto dinamico viene trasmesso dal server di origine al nodo più vicino, quindi attraverso l’infrastruttura CDN al nodo più vicino all’utente e infine direttamente all’utente. In questo modo, il sistema di distribuzione dei contenuti stabilisce una connessione affidabile tra il server e l’utente.

Quali tipi di contenuti possono essere distribuiti attraverso una CDN?

Qual è l'impatto di una Content Delivery Network (CDN) sulla SEO?

I contenuti statici e dinamici possono essere distribuiti attraverso una Content Delivery Network.

I contenuti statici si riferiscono a quelli che appaiono uguali per tutti gli utenti, come intestazioni, immagini nell’intestazione, loghi e stili di testo. Il vantaggio dei dati statici è che non richiedono la generazione o l’elaborazione, rendendo la loro distribuzione molto più semplice.

I contenuti dinamici, invece, sono l’esatto contrario di quelli statici. Ne sono un esempio le previsioni del tempo, i profili degli utenti e i feed dei social media. Questo tipo di contenuti è personalizzato per ogni utente in base a vari parametri. Il vostro sito web genera questi dati separatamente per ogni singolo utente.

Qual è l'impatto di una Content Delivery Network (CDN) sulla SEO?

Compito n. 1 – Consegna rapida dei contenuti
Un ottimo esempio è l’agenzia di stampa occidentale Reuters. Il loro compito è quello di fornire notizie aggiornate ai principali canali di informazione come BBC, Washington Post e altri. La consegna dei contenuti deve essere veloce, affidabile e riservata.

Compito n. 2 – Consegna di media in streaming
Quasi tutte le piattaforme di streaming audio e video utilizzano reti CDN per ottimizzare la distribuzione dei contenuti. Ne sono un esempio YouTube, Netflix, Hulu, Twitch e Spotify. Non sorprende che questi servizi richiedano canali in grado di distribuire contenuti e monetizzarli a velocità fino a 20 Gbps.

Compito n. 3 – Scalabilità
Questo compito si applica ai giochi dei social network, ai giochi in streaming e ad altre piattaforme che devono gestire un carico costante di utenti. In Russia, un ottimo esempio è VK Play, che utilizza una rete CDN per distribuire i carichi degli utenti e archiviare i dati, garantendo l’accesso al servizio da qualsiasi dispositivo senza perdere i progressi. In Occidente, un esempio notevole è il servizio di cloud gaming di NVIDIA – GeForce NOW.

Se volete che tutto sia fatto per voi, ben venga l’outsourcing con noi!

Per approfondire questo argomento, diamo prima un’occhiata a un’intervista con John Mueller (per chi non lo sapesse, John Mueller è un Senior Search Analyst di Google) del 3 giugno 2022. In questa intervista viene discusso l’impatto delle CDN sulle posizioni di classifica dei motori di ricerca (SERP) e sulla SEO in generale.

Qual è l'impatto di una Content Delivery Network (CDN) sulla SEO?

Secondo Mueller, le CDN non hanno un impatto diretto sulla SEO, se non quello di migliorare la velocità nelle regioni in cui la connessione al proprio server è instabile o presenta un’elevata latenza.

Nella stessa intervista è stata sollevata la questione se i CDN influenzino i crawler dei motori di ricerca. Mueller ha risposto come segue:

Qual è l'impatto di una Content Delivery Network (CDN) sulla SEO?

Se il vostro server è troppo lento e il suo hardware non è in grado di gestire la costante scansione da parte dei bot dei motori di ricerca, sia legittimi che non, allora una rete di distribuzione dei contenuti può effettivamente alleviare il carico sul server principale. La maggior parte dei dati sarà caricata dal CDN piuttosto che dal server di origine.

Per riassumere: Google mantiene la posizione ufficiale secondo cui le CDN non hanno un impatto diretto sulla SEO del vostro sito web. Sebbene i CDN possano migliorare la velocità di accesso al sito e ottimizzare le prestazioni del server, non hanno un impatto diretto sul posizionamento nei motori di ricerca.

**********

Alcune statistiche interessanti
Prima di addentrarci nei casi d’uso reali delle reti di distribuzione dei contenuti, diamo un’occhiata ad alcune statistiche interessanti.

Secondo Statista, il volume di traffico che passa attraverso le CDN è aumentato significativamente ogni anno. Nel 2017 era pari a 54 exabyte, mentre nel 2022 aveva raggiunto i 252 exabyte.

Come riferimento: 1 exabyte = 1.073.741.824 gigabyte.
Quindi, 252 exabyte = 270.582.939.648 GB.
Impressionante, vero?

Qual è l'impatto di una Content Delivery Network (CDN) sulla SEO?

Per quanto riguarda l’utilizzo delle CDN, consultiamo WebTechSurvey.

Qual è l'impatto di una Content Delivery Network (CDN) sulla SEO?

Il 31% dei siti web di tutto il mondo utilizza la tecnologia CDN per fornire contenuti ai propri utenti. La tecnologia è più diffusa negli Stati Uniti, il che non sorprende se si considera che lì si trovano gli uffici di giganteschi fornitori di CDN come Amazon, Google e CloudFlare.

Ora analizziamo la distribuzione percentuale della popolarità tra i siti web e le statistiche sono piuttosto interessanti.

Qual è l'impatto di una Content Delivery Network (CDN) sulla SEO?

Si può notare che il ritardo nell’adozione della tecnologia CDN inizia solo dopo i primi 10 milioni di siti web.

Il sito web più popolare che utilizza una Content Delivery Network è YouTube.

Qual è l'impatto di una Content Delivery Network (CDN) sulla SEO?

**********

Casi di implementazione
Prendiamo in considerazione alcuni casi di studio di fornitori americani di CDN.

Caso #1 – Barn2 Media è una piccola ma promettente azienda specializzata nello sviluppo di siti web e di plugin per piattaforme CMS come WordPress e WooCommerce.

Qual è l'impatto di una Content Delivery Network (CDN) sulla SEO?

Lo sviluppo di un sito web spesso prevede l’utilizzo di temi predefiniti e di una serie di plugin. Questo approccio riduce notevolmente i costi di sviluppo e lo rende più accessibile per molte piccole aziende. Tuttavia, ha un grosso svantaggio: le basse prestazioni dovute alla pesantezza del CMS.

La velocità media di caricamento di un sito web di questo tipo è stata di 6,36 secondi, un tempo considerato molto lento e che rientra nella zona rossa. Naturalmente, questo comporta un aumento della frequenza di rimbalzo degli utenti e ha un impatto negativo sulla SEO.

Qual è l'impatto di una Content Delivery Network (CDN) sulla SEO?

Dopo aver implementato l’architettura CDN, il tempo medio di caricamento è migliorato a 2,56 secondi. Un risultato abbastanza soddisfacente

Caso n. 2 – FCL/Gazeta Esportiva
FCL/Gazeta Esportiva è una pubblicazione brasiliana con oltre 70 anni di storia. Oltre al sito web, ha anche una stazione radio, canali televisivi e un’edizione cartacea. L’obiettivo principale dell’azienda era quello di espandere la propria presenza offline nel formato digitale.

Qual è l'impatto di una Content Delivery Network (CDN) sulla SEO?

Dopo l’implementazione della tecnologia, l’azienda è riuscita a ridurre la velocità di caricamento del 50% e ad aumentare la fidelizzazione degli utenti.

Qual è l'impatto di una Content Delivery Network (CDN) sulla SEO?

Caso n. 3 – FloSports

Qual è l'impatto di una Content Delivery Network (CDN) sulla SEO?

Questo caso riguarda l’implementazione di una Content Delivery Network da parte di stackpath.com.

FloSports è un servizio di streaming sportivo online. Il suo obiettivo era creare un’infrastruttura di streaming senza server su una CDN per gli abbonamenti premium.

Hanno costruito con successo la loro rete di streaming con una capacità di 65 Tbps, utilizzando 50 unità POP in tutto il mondo. Queste statistiche sono paragonabili a quelle di altri attori leader del settore. In questa CDN non vengono forniti solo CSS, ma anche script JS e video.

Nel corso di un anno, sono riusciti ad aumentare i nuovi abbonati del 125%, un risultato davvero notevole per una startup.

**********

Conclusione
Nonostante Google abbia dichiarato in modo ambiguo che le CDN non hanno un impatto sulla SEO, la maggior parte dei colleghi occidentali è convinta che ci sia una correlazione. Le CDN non solo sono diventate uno standard del settore, soprattutto nella SEO aziendale, ma influiscono direttamente sulla velocità di caricamento dei siti web, sulla crescita del traffico organico (soprattutto quando si creano risorse multi-regionali) e, in ultima analisi, migliorano significativamente l’esperienza dell’utente.

Vale la pena notare che quasi tutti gli aggiornamenti dell’algoritmo di Google (almeno quelli discussi pubblicamente) degli ultimi anni hanno incluso elementi volti a migliorare le prestazioni delle pagine, la velocità e la distribuzione dei contenuti. Ciò è particolarmente evidente con l’introduzione degli aggiornamenti Core Web Vitals.

Qual è l'impatto di una Content Delivery Network (CDN) sulla SEO?

In conclusione, vorrei fornire alcuni suggerimenti per la scelta di una soluzione di content delivery network.

Verificate il tempo di risposta del DNS tra il nodo edge e l’utente finale prima di impegnarvi in un’implementazione costosa. È meglio testare questo aspetto prima di investire pesantemente.
Se il vostro traffico organico ha variazioni stagionali, assicuratevi di testare la reattività della CDN in quei periodi.
Nella scelta dei nodi e dei provider, considerate il tempo di connessione. Cercate connessioni stabili, ritardi minimi e zero perdite di pacchetti.
Assicuratevi di visualizzare le statistiche della cache, almeno i parametri hit/miss, sulla vostra dashboard.
Assicuratevi che la larghezza di banda del canale sia dotata di un buffer del 20-30% superiore al vostro volume massimo.
Considerare la qualità dell’API. Man mano che le vostre risorse crescono, è probabile che dobbiate personalizzare l’infrastruttura per adattarla alle vostre esigenze. Un’API aperta e ben documentata facilita questo processo.
**********

Grazie a tutti coloro che hanno letto il nostro articolo! In futuro esploreremo sicuramente come utilizzare le soluzioni CDN con le piattaforme CMS più diffuse!

Qual è l'impatto di una Content Delivery Network (CDN) sulla SEO?

Contenuti per la promozione SEO su Google

Contenuti per la promozione SEO su Google

Ciao a tutti! In questo articolo parleremo di quanto i contenuti influenzino...

Come trovare i punti di crescita nell’ottimizzazione SEO

Come trovare i punti di crescita nell’ottimizzazione SEO

Cari amici, sono lieto di salutare tutti! In questo articolo vorrei parlare di...

Non perdere la testa: tutto sul tag head e la sua ottimizzazione

Non perdere la testa: tutto sul tag head e la sua ottimizzazione

Aloha, amici! In questo articolo daremo uno sguardo dettagliato a ciò che...

Scorrere verso l'altoArrow Up